20 anni di Aeronews

aeronews

A gennaio di quest’anno Aeronews ha compiuto 20 anni. A giudicare da questo blog e dal “fratello” Gente dell’Aria sembrerebbe che l’attività sia stata poca, in realtà si è trattato di tanto impegno, sottratto al mio tempo libero, per cercare di promuovere l’attività di alcune associazioni aeronautiche che poi hanno continuato a crescere come il Centro Studi Volo a Vela Alpino (clicca qui per vedere com’era), l’Aero Club Adele Orsi o in altri casi hanno cessato di esistere come la Federazione Italiana Volo a Vela o la Francesco Agello Racing Association.
Non vi nascondo che mi piacerebbe trasformare questa attività da no-profit a commerciale, ma non è ancora venuto il tempo e quindi, per il momento, la produzione di informazione aeronautica rimarrà piuttosto scarsa e i miei quattro lettori dovranno pazientare ancora.
Negli ultimi mesi ho cercato di rilanciare i canali social dell’Aero Club Milano, questa è la relazione che ho scritto e che pubblico per mostrare come l’attività bénévol sia una risorsa fondamentale per tutti le associazioni di volo.

“Ieri si è concluso, un po’ a fatica devo ammettere (nonostante tutte le possibili precauzioni), il passaggio di consegne delle chiavi digitali dei canali social. A dire il vero qualcosa non ha funzionato per il semplice fatto che già il 3 luglio 2015 avevo comunicato al consiglio direttivo, dopo averli recuperati e organizzati, gli account Google e Facebook. E purtroppo immediatamente dopo questo passaggio sono stati commessi errori che ho già provveduto a segnalare ai nuovi dirigenti.

Permettetemi di fare un breve riassunto di quanto è stato fatto in questi 8 mesi di gestione “social e web”, tenendo ben presente che il prodotto, in larga parte foto e video, è stato realizzato da voi soci.

Abbiamo ripristinato gli account Facebook e Google/Youtube con un account di servizio appoggiato al dominio aeroclubmilano.it

Abbiamo scritto (copiandola!) la policy di questo gruppo e di quello pubblico. Sono state riscritte, sia sul sito sia sulla pagina, le presentazioni dell’Aero Club Milano e della scuola di volo.
Sono state appena abbozzate delle linee guida sul vocabolario da usare nella comunicazione interna ed esterna del club.

Abbiamo realizzato (Leo!), sempre come da linee guida, l’introduzione dei video con lo scudo che scorre e il jingle con il rombo del motore.

Abbiamo condiviso
– 400 foto sulla pagina Facebook
– 4 video sulla pagina Facebook
– 4 video sul canale Vimeo
– 2 video sul canale Youtube
– 16 aerogite (3 realizzate nel 2013 e nel 2014, 10 nel 2015) e diversi voli notturni

La pagina Facebook è passata in modo organico, (senza pagare) da 1600 likes a 2200. I post hanno ricevuto decine di migliaia di visualizzazioni e centinaia di interazioni (mi piace, clic e condivisioni)

Cosa invece non sono riuscito a fare in questi otto mesi?
– rinnovare il sito
– realizzare foto in volo di aeroplani del club
– realizzare almeno 3 video professionali da pubblicare sul canale Youtube con “attori” selezionati tra giovani soci del club
– far firmare ai soci la liberatoria per pubblicare foto “con le facce”
– creare un archivio digitale con foto e video in alta risoluzione
– realizzare una pagina Linkedin e Instagram

Per scelta del sottoscritto, che aveva a disposizione un budget preapprovato di 1.000 euro annui (soldi rimasti nelle casse del club), non è stato speso nulla per search marketing e social advertising

ancora grazie a tutti i soci, soprattutto i giovani, e ai collaboratori che hanno collaborato per il bene del club”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *